Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2013

Aikime: Etica dell'allievo curioso e dell'Insegnante saggio

Immagine
See on Scoop.it - Browsing around


Stefano Sakura's insight:


Dall'articolo: "Supponiamo che in un Dojo ci siano degli allievi che si distinguano per impegno, zelo, capacità... e CURIOSITA'...

Supponiamo anche che a qualcuno di questi si presenti l'opportunità di andare a fare una lezione o un seminario da un Mestro diverso dal proprio...

... questa ipotesi dovrebbe essere piuttosto frequente in un mondo dell'Aikido che funziona bene!"



See on aikime.blogspot.it

A physiotherapist’s view: “Aikido and Injuries,” by Bartłomiej Gajowiec

Immagine
See on Scoop.it - Aikido: l'arte marziale dell'armonia


Stefano Sakura's insight:


Dall'articolo (in english):"

I would like to believe that all injuries in dojos are caused by accidental events like catching toes between mats, bad falls, or strikes that reach their mark. I’m afraid the truth is that this is just wishful thinking.

I have a number of observations on the subjects of injuries that follow:..."



See on blog.aikidojournal.com

AIKIDO WORLD BLOG: Saito Sensei, 1964, Iwama, original footage

Aikido Vivo: Il Primo Ingrediente

Immagine
See on Scoop.it - Aikido: l'arte marziale dell'armonia


Stefano Sakura's insight: Dall'articolo:"Oggi iniziamo con il REISHIKI. Gli ideogrammi che compongono questo termine, sono "REI", il saluto e "SHIKI", forma o formalismo.  Il mondo del Bushido era per sua definizione un mondo Marziale. Anche gli gnomi ed i puffi ormai, sanno che "Marziale" è un aggettivo che lega a Marte, il feroce Dio della guerra, ed è quindi sinonimo di "Militare".  Chiaro che in un ambiente nettamente gerarchico, la formalità è simbolo di rigore e disciplina, indipendentemente dalla cultura nella quale esso si sviluppa. "
See on aikidovivo.blogspot.it

Aikido Vivo: Il Secondo Ingrediente

Immagine
See on Scoop.it - Aikido: l'arte marziale dell'armonia


Stefano Sakura's insight: Dall'articolo."Il RIAI è la coerenza di lavoro.

Esso indica che ciò che si impara va al di là dell'esercizio attraverso cui lo si impara e le qualità che fa nascere nel praticante apportano benefici in differenti scenari della pratica.

In termini pratici, ciò che si impara in suwariwaza apporta miglioramenti anche al tachiwaza e all'hanmihandachi.

Ciò che si impara in Tanren, nella stasi, migliora la pratica del Ki no Nagare, l'azione, e quello che si allena da Uke accresce ciò che si riesce a fare da Tori."
See on aikidovivo.blogspot.it