Post

Visualizzazione dei post da 2016

Regola numero 3: il modo corretto per stare seduti sul tatami

Immagine
Rinfreschiamo la regola numero 3: Il modo corretto di sedersi sul tatami è nella posizione di seiza. Ma se si hanno problemi alle ginocchia si può sedere a gambe incrociate.
Quindi non serve fare gli eroi se si hanno problemi o forti dolori alle ginocchia, ma se non ci sono impedimenti sarebbe bene stare sempre in seiza, soprattutto quando il Maestro spiega le tecniche durante la lezione.

Efficacia dell'Aikido: esteriore o... interiore?

Immagine
Il Maestro Rubatto, in un altro dei suoi interessanti articoli del blog Aikime, fa una bella riflessione in che cosa l'Aikido può essere efficace nella vita di un praticante.

Ecco alcuni brani: <<Il Fondatore dell'Aikido diceva cose strane a riguardo dei propri "aggressori", rimandava che la vittoria più importante era quella su se stessi... gli faceva forse schifo vincere pure sugli altri?>> 
<<O' Sensei ci ha lasciato numerosi scritti piuttosto interessanti, nei quali dice cose ben strane a secondo dell'Aikido, visto come "strumento di affratellamento dei popoli", "di scoperta e miglioramento personale"... ma mai si è riferito ad esso nell'ottica di battere qualcun altro, se non in senso metaforico.>>
<<L'attaccante veniva più visto come qualcuno al quale connettersi, dal quale "imparare" qualcosa, qualche lezione importante... una sorta di specchio nel quale riflettersi per sapere chi siamo…

O' Sensei Ueshiba: shihonage

Immagine
Un ancor giovane O' Sensei intento nell'applicazione di uno shihonage (
Tecnica base di Aikido, proiezione su quattro lati)

Inizio della lezione: in Seiza

Immagine
Seiza (正座, letteralmente "sedersi correttamente") è il termine giapponese per indicare la posizione seduta tradizionale.
Storia Durante la storia giapponese si sono sperimentate numerose posizioni per sedersi a gambe incrociate. In base alle circostanze, agli abbigliamenti e ai luoghi alcune hanno prevalso su altre. Nel periodo Muromachi l'architettura giapponese faceva grande uso del tatami (la tradizionale pavimentazione composta di tappeti di paglia di riso intrecciata e pressata) il che, combinato con la rigida formalità allora predominante nella classe guerriera per la quale questo tipo d'architettura fu ideata, contribuì alla nascita dello stile seiza come metodo corretto per sedersi. Comunque probabilmente non fu prima del diciottesimo secolo (tra le ere Genroku a Kyōhō nella storia giapponese) che tutti i giapponesi adottarono questo stile nella vita quotidiana. Nel Giappone moderno le stanze tradizionalmente arredate con il tatami e le circostanze in cui si de…

Fate come gli alberi...

Immagine
... cambiate le foglie, ma conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee ma conservate i vostri princìpi.

Victor Hugo

Trovato su: http://aforismi.meglio.it/aforisma.htm?id=1628e

Nel dojo, sarebbe bene seguire le regole....

Immagine
Come sarebbe opportuno farlo anche nella vita di tutti i giorni, se questo ci aiuta a vivere la nostra vita in armonia con gli altri.

Rivediamo la seconda regola, scritta tempo fa dal nostro Maestro Aldo Gonzato Shihan, che può sembrare quasi scontata ma che a volte può portare al verificarsi di qualche piccolo incidente.


2. Prima di iniziare la pratica è opportuno togliersi gioielli, orologi, ecc., legarsi i capelli, se portati lunghi, e assicurarsi che le unghie siano corte, al fine di prevenire incidenti.

Sono riprese le lezioni ormai da due settimane!

Immagine
Pian piano il dojo riprende vita, anche con qualche nuovo "ritorno" :-) e qualcuno che ha avuto dei contrattempi col lavoro o la salute :-(

Il video del nostro Dojo

Immagine
Questo è il video del nostro Dojo del 2015, ma è valido anche per il 2016, 2017, 2018...etc :-D

Rispolveriamo le regole del Dojo: regola numero 1

Immagine
Ricominciano i corsi di Aikido, è tempo di rivedere un po' le regole che sono state scritte tempo fa dal nostro Maestro Aldo Gonzato Shihan per ricordarci quale dovrebbe essere il giusto atteggiamento da tenere durante la pratica dell'Aikido nel dojo. 1. Non criticare mai le tecniche eseguite da altri praticanti,si devono rispettare gli altri.